Spedizione €4.90, gratuita per ordini da €50

Bigiotteria e gioielli nichel free?

NORMATIVA BIGIOTTERIA E GIOIELLI NICHEL FREE

 

Con questo breve articolo vogliamo fare un po di formazione per i consumatori circa la dibattuta presenza del nichel nella bigiotteria ma anche nei gioielli.

Abbiamo come riferimento una normativa europea la UNI EN1811:2011 recepita in base al Regolamento REACH il giorno 1° aprile 2013 in cui e’ entrata in vigore.

Cercheremo di spiegarla in modo semplice. Il testo e’ molto breve e anche chiaro. Molti venditori e produttori in mala fede cercano di imbrogliare le idee ai consumatori con diciture non legali quali nichel free e nichel tested. E’ inutile scrivere il secondo perchè un oggetto senza essere testato non può essere venduto, la prima invece spesso vuol dire che la bigiotteria e’ senza nichel completamente quando invece in realtà ne ha in quantità ben maggiori rispetto a quelli consentiti dalla legge.

La UNI EN 1811:2011 è una Normativa sulla Bigiotteria concepita per evitare al massimo che sostanze tossiche presenti in un prodotto danneggino la salute umana. Qui stiamo parlando di oro,argento, ottone e leghe per la bigiotteria. In tutti questi metalli e’ presente il nichel. Esso contrariamente a quanto si pensi non e’ vietato ma e’ consentito in particolari percentuali che determinano un suo rilascio a settimana. Se l’oggetto fosse privo in genere presenta la dicitura nichel free.

La legge dice le testuali parole: “in tutti gli oggetti metallici che vengono inseriti negli orecchi perforati e in altre parti perforate del corpo umano, a meno che il tasso di cessione sia inferiore a 0,2 μg/cm2/settimana”. Invece “in articoli destinati ad entrare in contatto diretto e prolungato con la pelle” (bracciali, anelli  e collane ad esempio) il tasso di cessione deve essere inferiore a 0,5 μ/cm2/settimana.

What are you looking for?

Your cart